Indietro Avanti
Viaggi e lifestyle

Viaggiare (con i bambini) davvero: un breve ma sentito post per ricordare alle famiglie di non dimenticare mai il vero significato del viaggio.

Autrice

Deborah Croci
Travel Designer

Pubblicato

06 febbraio 2016

Tempo di lettura

2 Min



Sono una Travel Designer e per professione (e passione) progetto itinerari su misura per famiglie che amano viaggiare. Ma prima di tutto sono una mamma e capisco quanto sia dura organizzare una vacanza con i bambini.

Le proposte sono così tante da rendere complicato fare la scelta giusta per noi. Molti dei genitori che conosco sono stati  scottati da una precedente esperienza negativa(e si affidano a me dopo aver smesso di viaggiare per molti anni "finchè i bambini non hanno raggiunto l'età giusta". Tradotto: i piccoli crescendo diventano più autonomi ed è in teoria più semplice muoversi tutti insieme. Che poi, sarà vero?! Lo sapete che la mia risposta è NO, naturalmente). Tanti invece ripiegano su villaggi formato famiglia, per "questione di comodità"(commettendo il grave errore di pensare che avere tutto a portata di mano, velocemente e senza fare fatica nè perdere tempo prezioso - che non possono dedicare - in fase di programmazione del viaggio, consenta loro di ottenere il miglior risultato con il minimo dello sforzo: equazione disastrosa, ahimè) .

Ma siamo davvero sicuri che viaggiare significhi questo? Vogliamo togliere ai nostri bambini la straordinaria possibilità di vivere il Paese che ci ospita? Il viaggio è un’occasione di apprendimento e di crescita unica nel suo genere. E’ scoperta, avventura, opportunità di arricchimento del cuore e dell’anima.

Non rinunciate a tutto questo!

  • Radunate la famiglia e decidete insieme.
  • Ascoltatevi reciprocamente.
  • Non sottovalutate MAI le richieste dei vostri bambini.

Fatevi guidare dalla loro immaginazione, guardate il mondo attraverso i loro occhi: vi sorprenderete a meravigliarvi inaspettatamente!

E se vi occorre un aiuto, io sono qui per fornirvi tutto ciò di cui avete bisogno per progettare la vostra vacanza con i bambini senza stress aggiunto.

Pensateci, ma non troppo, che poi si perde la magia!