Indietro Avanti
Viaggi e lifestyle

Sempre a dieta? Meglio di no

Autrice

Monia Farina
Biologa nutrizionista, Naturopata

Pubblicato

13 luglio 2015

Tempo di lettura

2 Min



Care le mie signore mamme, ricordiamoci che per dimagrire bisogna mangiare di meno. Non esistono pillole magiche, bisogna rimboccarsi le maniche. Altrimenti la cellulite si impossesserà di noi. Ma non basta. E' altrettanto indispensabile l'attività fisica. No, non vale il tratto dal divano al frigorifero. Servono almeno 30 minuti di camminata veloce al giorno, e/o due volte la settimana fisica un'attività sportiva (anche il ballo va bene) di almeno 45 minuti. Senno' niente da fare.E poi, non basta solo mangiare poco. Dimagrire non vuol dire deperire. Ogni giorno bisogna dare al nostro corpo tutte le sostanze di cui ha bisogno. Mettiamo in tavola tutti i giorni 2 porzioni di frutta (anche come spuntino o merenda) e 3 di verdura fresca, poi per ogni pasto, circa 50% carboidrati, 30% grassi ma buoni e 20% proteine. Preferiamo cereali integrali, frutta e verdura di stagione, proteine vegetali. Seguiamo il consiglio della dottoressa Kousmine (chi e'? Una brava) "colazione da re, pranzo da principe, cena da povero". Dimentichiamo le bevande gasate, lasciamo il vino all'eccezione del sabato sera, massimo un bicchiere di rosso. Preferiamo il te e le tisane al caffè, che non zucchereremo, al limite ci mettiamo la Stevia comperata al negozio bio."Dieta" significa in origine "stile di vita". Deve essere un' occasione per imparare a mangiare meglio sempre, non solo due mesi, e per capire che si può mangiare sano senza perdere l'allegria, senza piatti sconditi, tristi, incolori. Si mangia con gli occhi e col naso, ancora prima che con la bocca: mettiamo in tavola colori, sapori e profumi. Osservare e odorare un cibo gustoso, colorato e profumato prima di mangiarlo, sazierà la nostra voglia di bello, e saremo meno invogliati all'abbuffata. Fidatevi.