Indietro Avanti
Crescita personale

Il coraggio della verità

Autrice

Elena De Franceschi
Psicologa e Consulente di Carriera

Pubblicato

09 giugno 2016

Tempo di lettura

2 Min



Non c' e nulla che conduca all'equilibrio mentale più della verità.

La capacità di essere onesti, con se stessi e con il mondo è un valore sempre attuale, essenziale, vitale...

Dire la verità sempre e comunque è una bussola importante in un mondo fortemente complesso.

Pensaci un attimo... quando hai dei dubbi, quando sei titubante e non sai cosa fare, quando non sai cosa dire... ebbene la verità ti salverà!

Certo può far male e può essere talvolta difficile , ma il premio finale ne vale la pena!

La verità può davvero essere quella corda di sicurezza che ci conduce attraverso la vita. Se avrai il coraggio di adottare questo valore come fondante la tua identità allora non avrai più paura di niente e di nessuno e sarai davvero libera.

Non è male vero? Nulla da temere, nella vita privata come in quella professionale.

E' possibile, ed è reale!

Credimi, so di cosa parlo. Vivere in modo autentico implica coraggio quotidiano, significa fare un po' più fatica degli altri, lottare un po' di più, tribulare un po' di più forse..ma il sapore delle cose, degli incontri, delle persone sarà completamente diverso.

Scegliere la verità equivale a puntare sulla qualità invece che sulla quantità... ti spaventa? 

Ancora oggi sul lavoro qualche cliente si sorprende quando gli suggerisco qualcosa che va contro il mio interesse, sembrano sorpresi, mi guardano stupiti chiedendomi "me è sicura?" ... Io rispondo che sì, certamente, che non potrei fare altrimenti se non pensare al meglio per loro, rendendo onore alla fiducia che mi hanno dimostrato rivolgendosi a me. 

Chi sceglie un lavoro come il mio cerca sempre (o dovrebbe) uno scambio autentico, vero, profondo reale. I valori che mi accompagnano e mi sostengono sono parte di me e inevitabilmente mi portano ad essere sincera e ad agire nell'interesse della persona che si rivolge a me per un consiglio.

Se questo significa perdere un introito economico pazienza, il mio fine è agire bene, fare la cosa giusta. E non solo per la persona che si rivolge a me , ma anche e sopratutto per me stessa, e per mia figlia. Per poter dire con cicatrici e difetti compresi "Non cambierei nulla di me" e per sperare che mia figlia un giorno potrà dire lo stesso.

La missione allora, sarà compiuta!

Vivi con verità, è la tua alleata più preziosa!

Raccontami la tua storia*

Elena De Franceschi

www.psicoaosta.com