Indietro Avanti
Viaggi e lifestyle

10 modi per volersi (un po' più) bene - parte prima

Autrice

Elisa Palma Hancock
Life Coach, Registri Akashici, Insegnante spirituale

Pubblicato

23 ottobre 2014

Tempo di lettura

3 Min



Di tante donne con cui ho avuto il piacere di parlare e soprattutto, di ascoltare, mi sono rimaste impresse le tematiche di base spesso simili e che in qualche modo conducono al bisogno di imparare a darsi un po' di priorità e a volersi un po' più bene.

Louise Hay, del cui metodo sono insegnante certificata, ha fondato buona parte del suo lavoro proprio sul concetto dell'amore per se stessi e le pratiche per cominciare a farlo.
Così, aggiungendo la mia personale esperienza, ho pensato di stilare - e possibilmente con questo ispirare - un decalogo, che pubblicherò in due parti, scegliendo quelle che ho trovato più efficaci e interessanti e condividerlo con le mamme che, ben si sa, mettono sempre tutto il resto avanti a loro.
Non proccupiamoci di diventare "egoiste": amare se stesse non ha nulla a che fare col tenere in considerazione SOLO le proprie esigenze.

Siamo le persone con cui passeremo tutta la vita, dunque non abbiamo forse diritto di (imparare ad) amarci come faremmo con la persona più cara al mondo?

Buona lettura, e buona pratica!

 

1. Trattati con dolcezza e pazienza. Quando il nostro piccolo inciampa sui suoi piedini o fa un errore di qualsiasi natura, lo sgridiamo dicendogli parole brusche o lo incoraggiamo e gli facciamo capire che non è la fine del mondo e c'è sempre spazio per imparare e migliorarsi? Quale dei due metodi, da sempre, funziona meglio? E soprattutto, se lo facciamo con gli altri perché non possiamo farlo anche con noi stesse? La prossima volta che ti succede, invece di partire con la solita irritazione, prendi un  bel respiro e pensa che la prossima volta farai meglio. Stiamo tutti imperando, tutto il tempo.

2. Spegni il telegiornale della tua testa. Io non ho più la televisione da un bel po', non sopportavo più quell'invasione di violenza gratuita e negatività appena accendevo lo schermo. Senza contare il tempo che mi portava via! Anche la nostra mente, come una televisione, se lasciata sul canale sbagliato manda programmi terribili tutto il giorno. Preoccupazioni, paure di ogni genere, anticipazioni di eventi terribili che per la maggior parte del tempo, per fortuna, non si verificano. Oppure facendo diventare un'inezia, come una parola detta col tono sbagliato, un dramma sproporzionato. Ma quanta energia utile sprechiamo nel vivere così?
Se ti accorgi che le immagini nella tua mente ti tendono fisicamente o emozionalmente, sostituiscile con immagini rasserenanti, come un prato, il viso di qualcuno che ami, la scena di un film che ti ha fatto sentire bene. 

3. Prenditi cura del tuo corpo. Il corpo per me è il nostro "veicolo" in questa vita. Spesso lo abbelliamo, stiriamo e lucidiamo fuori...ma dentro? Tutti gli eccessi, di fumo, cibo spazzatura, alcol e via dicendo, sono tutti modi in cui ci stiamo comunicando dis-amore. Sono veleni che introduciamo, a volte palliativo per qualche altra mancanza della quale non vediamo o non vogliamo riconoscere l'esistenza. Cosa non ti stai permettendo di vedere o riconoscere e di cui avresti invece bisogno? Lo stesso vale per l'attività fisica. La sola idea di andare a correre mi atterriva perché la sentivo come una cosa totalmente lontana da me, ma esplorando ho trovato l'attività fisica che mi piace davvero e si allinea con chi sono in questo momento, facendomi sentire davvero bene. Non c'è bisogno di sudare in palestra 3 ore al giorno! Se camminare in mezzo al verde ti ricarica, quale ragione migliore per prendersi 30 minuti tutti per te e muovere l'energia dentro di te? Ti assicuro che il benessere emotivo, fisico e le idee e pensieri raggianti che ne scaturiscono, saranno un ottimo carburante per continuare!

4. Smetti di criticarti. Questo si ricollega al punto 1. Come disse Louise Hay, spesso abbiamo passato la vita a criticarci aspramente per quello che facciamo o non facciamo, che siamo o che non siamo e via dicendo. E' mai servito a migliorare? Proviamo ad accettare chi siamo, con i nostri pregi e difetti e soprattutto, con la possibilità che abbiamo di crescere, cambiare e migliorarci! Di fatto, ogni volta che critichiamo qualcuno o noi stessi per qualcosa, non facciamo altro che tenerlo inchiodato dove si trova. L'accettazione apre la via al cambiamento. E una cosa che certamente può aiutare è...

5. Sii tu la tua cheerleader: lodati! Per ogni piccola cosa che fai, che impari di nuovo, per i successi e anche per i tentativi, perché ci vuole coraggio a credere in se stessi, a iniziare, a fare! Quando fai qualcosa di nuovo, che può anche essere alzare la mano e dire la propria opinione ad una riunione - non sto parlando di costruire una cattedrale! - lodati e incoraggiati per averlo fatto, invece di sminuirti come se non ci fosse un domani. In poche volte alzerai la mano e parlerai con sempre più facilità...e questo è solo l'inizio!


Hai domande, curiosità, condivisioni? Scrivimi!